Le 7 regole fondamentali per un volantino efficace

Le 7 regole fondamentali per un volantino efficace

In questo articolo scoprirai come va fatto un volantino per ottenere un risultato positivo, trovare nuovi clienti e ottenere un profitto.

Scoprirai anche perché queste regole sono tanto importanti e quanto sia facile trascurarle, riducendo o addirittura azzerando i risultati di una campagna.

Al termine della lettura potrai valutare se sarai in grado di rispettare da solo tutte le regole oppure se ti converrà affidarti al nostro servizio per ottenere il miglior risultato possibile.

Il volantino perfetto deve:

1. Attirare l’attenzione e farsi notare nella buca delle lettere.

2. Rispettare le regole basilari della comunicazione e del marketing.

3. Essere stampato nel giusto formato.

4. Essere stampato bene e su una carta di qualità.

5. Essere distribuito in modo capillare e professionale.

6. Arrivare nelle mani delle persone col giusto anticipo, ne troppo presto ne troppo tardi.

7. Non dev’essere distribuito nei giorni di pioggia.

Il rispetto di tutte queste regole, nessuna esclusa, determina il successo di una campagna di volantinaggio.

Se una sola di queste regole non viene rispettata, il risultato finale della campagna non sarà inferiore del 10% o del 15% ma lo sarà almeno del 50%.

Non rispettarne 2 o 3 significa ridurre i risultati anche del 90%.

Ipotizziamo di distribuire 20.000 volantini con l’obiettivo di portare nuovi clienti nel tuo negozio per l’inaugurazione, per i saldi o per un evento.

I risultati che potresti ottenere rispettando o meno le 7 regole, potrebbero variare tra i 5 e i 50 nuovi clienti acquisiti, con lo stesso investimento.

Questa forbice può sembrarti molto ampia ma ti assicuro che è molto realistica e rimane valida qualunque sia il tuo messaggio, la tua offerta o il tuo evento.

Iscrivendoti alla nostra Academy gratuita potrai imparare come ottenere il maggior numero di clienti con un volantino perfetto e potrai decidere se preferirai investire 500 euro in un volantino per ottenere 5 nuovi clienti oppure investirne 1.500 per ottenere 50 nuovi clienti.

Scoprirai inoltre come rispondere alla domanda che dovresti farti al termine di una campagna di volantinaggio.

La domanda giusta a cui devi saper rispondere al termine di una campagna di volantinaggio è “quanto mi è costato acquisire un nuovo cliente con i volantini?”. 

Se non sai rispondere a questa domanda significa che non hai rispettato la regola 2 e non puoi sapere se l’investimento che hai fatto nel volantinaggio è stato profittevole oppure se hai investito male i tuoi soldi.

Se saprai rispondere solamente alla domanda “quanto ho speso per stampare e distribuire un volantino?” sappi che ti stai facendo la domanda sbagliata.

La situazione peggiore è se sei convinto che il volantino stia funzionando e continui a farlo nel modo sbagliato.

In questa situazione continui a perdere soldi, magari convinto di guadagnarne.

Come si capisce che ti trovi in questa situazione?

Sei in questa situazione quando la misurazione dei risultati si basa sulla tua percezione invece che sulla matematica.

Mi sembra che quando facciamo volantinaggio il fatturato aumenti”.

Il personale mi ha detto che ha visto più gente questo fine settimana, probabilmente perché abbiamo fatto volantinaggio”.

Facciamo volantinaggio nello stesso modo da sempre perché i nostri clienti sono abituati a ricevere le nostre offerte così”.

Se ti trovi in una situazione simile i casi sono due, stai buttando un sacco di soldi oppure la tua percezione è corretta e i tuoi volantini stanno funzionando.

La nostra esperienza ci dice che in questa situazione hai solamente il 10% di probabilità di avere ragione e lo 0% di probabilità di capire se e come potresti ottenere un risultato migliore.

Se vuoi essere sicuro che i tuoi volantini rispettino le 7 regole fondamentali e desideri acquisire nuovi clienti al minor costo possibile, affidati al nostro servizio.

Un servizio completo per trovare nuovi clienti col volantinaggio efficace, rispettando le 7 regole per ottenere il massimo risultato!

Vediamo ora le 7 regole del volantinaggio.

Nell’Academy potrai familiarizzare meglio con questi concetti.

Per ora approfondiamo brevemente le 7 regole per capire quanto non rispettarle possa impattare sul risultato finale.

Regola 1 – Il volantino efficace deve attirare l’attenzione e farsi notare all’interno della cassetta postale.

Se non rispetti questa regola il risultato sarà che distribuirai un volantino graficamente anonimo stampato su una carta leggera che non verrà notato dalla maggior parte delle persone e scartato con il resto della posta indesiderata.

Per quanto attraenti siano la tua offerta o il tuo evento, il volantino passerà inosservato e il tuo messaggio non avrà l’occasione di essere approfondito dalle persone.

Hai presente quando ti trovi davanti alla buca delle lettere piena di volantini?

Il pochi secondi necessari a valutare se tra tutti c’è qualcosa di interessante è estremamente breve e non ti permette di approfondire il contenuto di tutti. 

E’ in quel momento che il tuo volantino deve farsi notare abbastanza da incuriosire per 3 secondi, un tempo necessario alle persone per dedicare attenzione e leggere il contenuto.

Il volantino deve saltare all’occhio e incuriosire con un’immagine intensa, con colori sgargianti (ma non fastidiosi), essere stampato su carta migliore e più pesante rispetto agli altri.

Se non attiri l’attenzione in questi pochi secondi non avrai l’opportunità di trasmettere il tuo messaggio alle persone, semplicemente perché le persone non lo leggeranno.

Regola 2 – Il volantino efficace deve rispettare le regole basilari della comunicazione e del marketing.

Nell’Academy puoi scoprire quali sono queste regole e a cosa servono.

Per ora limitiamoci a dire che sono tutte quelle regole di marketing in grado di stimolare le persone a fare ciò che desideri e che ti permettono di misurarne i risultati.

Se non rispetti questa regola, per quanto il volantino possa essere attraente, stampato e distribuito bene, se il messaggio non trasmette alle persone una ragione valida per compiere una determinata azione, non arriverai al risultato desiderato (trovare il maggior numero di nuovi clienti).

In queste lezioni puoi approfondire alcune basilari regole del marketing.

Regola 3 – Il volantino efficace deve  essere stampato in un formato ideale.

Scegliere il giusto formato del volantino è fondamentale per rendere il contenuto leggibile ed efficace.

Non esiste una regola che stabilisca se funziona meglio un volantino A5 con poco testo oppure un A4 con tanto testo.

Il formato non comanda sul contenuto ma ne è la conseguenza e va scelto in modo tale da rendere chiaro e ben leggibile il contenuto che vuoi trasmettere.

Non scegliere di stampare un A5 al posto di un A4 per spendere meno.

Se spendi 30 euro di meno ma ottieni 10 clienti in meno, hai risparmiato?

Ipotizziamo di scegliere un formato troppo piccolo, magari pensando di risparmiare 30 euro, finirai per inserire troppi contenuti usando font piccole. Il risultato sarà un messaggio magari scritto bene, su una carta spettacolare e distribuito alla perfezione ma che la metà delle persone non riuscirà a leggerlo se è scritto troppo piccolo o troppo confuso.

Quando si realizza un volantino non si pensa mai a quante persone hanno problemi di vista (circa il 50%).

Solo questo banale errore può ridurre il risultato finale del 50%.

Regola 4 – Il volantino efficace deve  essere stampato bene e su una carta di qualità.

La maggior parte dei volantini sono stampati su una carta leggera e di scarsa qualità, anche in questo caso solitamente con l’obiettivo di risparmiare.

La piacevole sensazione di una bella carta tra le mani delle persone crea un collegamento sensoriale forte col brand.

Immagina di ricevere un volantino che pubblicizza un trattamento per avere una pelle vellutata. Immagina che sia stampato su una carta vellutata e piacevole da toccare. Puoi immaginare la sensazione differente che potresti provare rispetto a un volantino stampato su carta patinata lucida e leggera?

Se trasmetti un messaggio forte o un’immagine elegante su una carta leggera, le persone percepiranno un’incongruenza tra ciò che leggeranno e ciò che sentiranno tra le mani.

Inoltre il risparmio di stampare 20.000 volantini su una carta da 130 gr invece che su una da 170 gr è di 20 euro sul totale, una differenza talmente ridicola da non aver senso.

Eppure il 90% dei volantini che trovi nella cassetta sono stampati su carte leggere e di scarsa qualità che non trasmettono alle persone alcuna sensazione tattile.

Se stampi 3.000.000 di volantini come fanno le GDO e le catene Retail, usare una carta più leggera può comportare qualche migliaio di euro di risparmio ma su 20.000 volantini è il modo migliore di mandare all’aria una campagna per risparmiare pochi euro.

Regola 5 – Il volantino efficace deve  essere distribuito in modo capillare e professionale.

Per quanto riguarda questa regola è chiaro che se un volantino viene distribuito solo parzialmente o male, il resto non conta, il risultato sarà scarso.

Il motivo principale per il quale si finisce per non rispettare questa regola, come le precedenti, è quello di spostare il focus sul risparmio (spendere il meno possibile per la distribuzione) invece che mantenerlo sull’obiettivo (ottenere il maggior numero di clienti). 

E’ molto complicato verificare la reale qualità della distribuzione e a volte costa ulteriore tempo per uscire in strada a verificare la distribuzione. Immagina il costo per un imprenditore con 5 punti di vendita che deve mandare personale per strada a verificare il lavoro del distributore in 5 differenti città.

L’unico modo per garantirsi un servizio di distribuzione impeccabile è quello di misurarlo dai risultati ottenuti (clienti acquisiti e profitto generato).

Se dopo aver distribuito un volantino ti sei detto ancora “non mi pare che fare un volantino sia servito ma almeno ho speso poco” puoi essere certo di non aver rispettato questa regola, ottenendo esattamente il risultato desiderato, spendere il meno possibile.

Regola 6 – Il volantino efficace deve  arrivare nelle mani delle persone col giusto anticipo, ne troppo presto ne troppo tardi.

Una regola a cui non si presta quasi mai attenzione è quella del tempismo. Distribuire un volantino troppo presto oppure troppo tardi può ridurre il risultato anche del 70%.

Ogni caso è differente e il tempismo giusto dipende dall’obiettivo del volantino quindi farò solamente un esempio per farti capire cosa intendo per tempismo e come sbagliarlo può uccidere le tue campagne.

Il caso estremo consiste nel distribuire troppo tardi un volantino per un’inaugurazione. Come puoi immaginare se il volantino arriva nelle mani delle persone il giorno dopo l’inaugurazione, il risultato sarà lo zero assoluto.

Si tratta di un caso estremo ma non improbabile.

Se ti organizzi in ritardo e consegni il volantino stampato al distributore con 6 giorni di anticipo sull’evento, ti potrebbe sembrare un buon anticipo ma se per due o tre giorni piove e non si può distribuire i volantini arrivano nelle cassette con magari 1 o 2 giorni di anticipo ma almeno il 40% delle persone lo troverà un paio di giorni dopo, quindi dopo la data dell’evento.

Quanti controllano la cassetta tutti i giorni?

Anche distribuire troppo in anticipo è sbagliato perché lascia alle persone troppo tempo per ricordarsi la data. Se questa è 10 giorni dopo la ricezione del volantino, la maggior parte delle persone se ne dimenticherà, riducendo il risultato anche del 30/40%.

Ogni caso è a sé ma il volantino deve trasmettere un senso di “urgenza” che stimoli i clienti a segnarsi la data o a conservare il volantino come promemoria.

Questo senso di urgenza si crea scrivendo il giusto messaggio e consegnandolo al destinatario col giusto anticipo.

Regola 7 – Il volantino efficace deve  essere distribuito nei giorni di sole.

Per quanto ovvia possa sembrare questa regola, ho deciso di inserirla perché quando programmi una campagna, valutare in anticipo il meteo è fondamentale.

Nella programmazione devi considerare di lasciare almeno 4/6 giorni di tempo per la distribuzione, per permettere al distributore di evitare i giorni di pioggia.

Sembra ovvio ma la maggior parte delle campagne di volantinaggio vengono programmate con troppo poco anticipo e finiscono per essere distribuite in una finestra di 2 giorni. Se in questi due giorni piove sei fregato. Lasciando 4/6 giorni per la distribuzione triplichi le probabilità di ottenere il miglior risultato.

Per darti un’idea temporale, considera di iniziare a lavorare a un volantino almeno 20 giorni prima che venga distribuito.

Ora sai quali regole vanno rispettate per ottenere risultati con un volantinaggio.

Se vuoi fare una campagna di volantinaggio efficace e non hai questa esperienza, affidati al nostro servizio, risparmia un sacco di tempo e ottieni nuovi clienti al minor costo di acquisizione possibile.

Consulenza

Strategia di marketing

Realizzazione grafica

Stampa su carte di qualità e con grammature elevate

Distribuzione porta a porta

Consulenza nella misurazione dei risultati

Lascia un commento